Le chiese campestri, che vennero erette dai pastori a partire dalla fine del Seicento, hanno una tipologia architettonica vicina a quella degli stazzi: povere ed essenziali.

Fondamentali nella cultura dell’epoca, costituivano un punto di riferimento ed erano testimoni di tutti i momenti importanti della vita, dal battesimo al funerale.

Ancora oggi luogo d’incontro di fedeli, locali e turisti, sono una commistione di sacro e profano, che si concretizza nelle numerose sagre paesane che si svolgono in occasione di ricorrenze religiose.

Inserisci il testo e premi invio per cercare